HOME       BLOG    VIDEO    EVENTI    GLI INVISIBILI    MUSICA    LIBRI    POLITICA LOCALE    POST PIU' COMMENTATI

giovedì 15 aprile 2010

NARDO’ – PORTO SELVAGGIO BELLO E POSSIBILE – ANCORA UNO SBARCO


L’altro ieri, 21 disperati tra afgani e curdi sono sbarcati sulla costa ionica nei pressi di Porto Selvaggio, parco protetto del comune di Nardò.
Porto Selvaggio ancora una volta protagonista di un possibile cambiamento. Ancora una volta sinonimo di speranza.
Questo parco è estremamente evocativo per alcuni neretini perché la sua storia è un pò particolare; per la salvaguardia di Porto Selvaggio (e non solo) è stato ucciso un assessore repubblicano Renata Fonte, perché si oppose alla lottizzazione del parco diventando sgradita a chi, al posto dell’oasi verde, avrebbe voluto vedere un bel residence (il “commenda” vincitore dell’appalto oggi sarebbe stato chiamato “il profeta” visto il numero sempre maggiore di villaggi turistici edificati lungo le nostre coste).
Ora, invece, sta diventando un punto di attracco per una possibile terra promessa, ennesima speranza per i sempre ultimi della terra.
In entrambi i casi il sentimento predominante è quello della disperazione che si ha sia per una morte ingiusta e per una giustizia ancora latitante sia per una “vita migliore” che forse (molto spesso è così) non arriverà mai.
Il parco sta diventando sempre più spesso punto di approdo, tra il 2009 e il 2010 sono stati già tre gli sbarchi avvenuti. I paesi di origine sono sempre Afganistan e Kurdistan.
Due nazioni violentate dalle guerre, dalle nostre beneamate guerre o “missioni di pace”.
Come possono convivere due parole estremamente lontane come guerra e pace???
In guerra non si va con i fiori (magari fosse così e allora si che la parola guerra prenderebbe un’accezione positiva) ma con i proiettili che molte volte uccidono poveri civili spettatori inermi di questo “bel gioco”.
Siamo abituati a sentire i numeri delle vittime, a fare la conta dei morti e quelle cifre rimangono incise nella mente, fredde, senza una vera sostanza.
Se, almeno per una volta, provassimo a metterci nei panni di chi,con il dolore nel cuore e un punto interrogativo nella testa, affronta dei viaggi interminabili e molto spesso senza fine, con la speranza che il buon Dio tanto venerato abbia un occhio di riguardo, solo allora potremmo comprenderli e rispettarli in quanto uomini, come noi, non come freddi numeri.
I potenti della terra giocano, e il loro gioco è mortale.
Vorrebbero, di conseguenza scrivono delle vere e proprie leggi, che le vittime della loro sporca guerra rimanessero nei propri territori a morire più in fretta, perché la nostra “evolutissima” nazione non può più accogliere “stranieri”.
Andiamo via dai loro paesi.
Porto Selvaggio quanti altri disperati dovrà accogliere???
Esportiamo il benessere inteso come sapere farmacologico, scientifico, esportiamo quello che c’è di buono e importiamo altrettanto.
Svegliamoci perché si sta facendo tardi.

2 commenti:

  1. Angelo Cleopazzo15 aprile 2010 19:22

    Continuano gli sbarchi a Porto Selvaggio. La nuova "tratta" di disperati è quella degli afghani. A distanza di quasi 10 anni cominciano a pagare in maniera esorbitante i costi di una guerra infinita che ebbe inizio con il crollo delle "torri gemelle". E' emblematico che in nome di una guerra al terrorismo si sia inverata nei fatti una nuova stagione di imperialismo dove gli USA guidano un carrozzone di Stati occupanti che controllano il commercio dell'oppio, vero oro dell'Afghanistan. Si fa la guerra ai terroristi per espropriarli della voce numero uno del capitolo di entrata di un'economia disastrata; poi macerie e disperazione, civili mutilati e villaggi distrutti; un governo asservito agli USA e pochi testimoni di una catastrofe che ancora non interessa alle varie organizzazioni sovranazionali, tanto che si vuol cacciare Strada e compagni. Perchè Emergency non è disposta a praticare la politica omertosa dell'ONU (quella del non vedo e non sento) perchè svolge il suo servizio umanitario nelle zone più colpite ed inanella dati di feriti e morti che dovrebbero sorprendere l'opinione pubblica mondiale: certifica che tanti Stati occidentali spendono fior di miliardi per uccidere gente innocente. Tanti scappano e qualcuno riesce addirittura a giungere a Porto Selvaggio. Dobbiamo accertarci che le regole in materia di immigrazione per questi rifugiati non siano aspre. Dobbiamo capire se esistono le strutture per gli avvistamenti in mare; dobbiamo perseguire penalmente gli "scafisti" e chi gestisce queste tratte della disperazione; garantire l'ausilio di interpreti ed avvocati nel momento stesso in cui i diseredati attraccano; dobbiamo avere delle strutture di ricezione adeguata e personale sanitario altamente specializzato. Quello che penso è che umanamente e materialmente ancora non si faccia abbastanza e che purtroppo anche noi ancora preferiamo volgere lo sguardo altrove e dire non vedo e non sento.

    RispondiElimina
  2. ..esiste un confine molto sottile,non sempre percettibile,che spinge noi "italiani-brava-gente" a commettere un errore imperdonabile verso un mondo che non è solo il nostro mondo piccolo piccolo,fatto di ingiustizie personali piccole piccole...il mondo che quotidianamente siamo avvezzi a calpestare è un altro,ben oltre il nostro naso ritoccato dalla chirurgia del benessere e ormai insensibile agli odori della vita,quella sporca,quella che puzza,quella che nessuno vorrebbe vivere e che viene vissuta,da chi altro naso non ha per respirare,se non quello che gli è toccato in sorte,per volontà di un essere umano troppo umano,chiamato dio,destino,vita,guerra..che è un pò la stessa cosa.

    francesca

    RispondiElimina